artexperiences

I lavori di Zefram
scelti dal pubblico di
Slow Art

Le fotografie di Zefram presentate nell'esposizione Tutte le Strade sono stete scelte più volte dal pubblico di ARTROM Home Gallery sia per lo Story Telling che per lo Slow Art, dimostrando in più occasioni il loro forte potenziale comunicativo.

enricodemarinis

Dream of a Midnight Superstrike
2009, stampa Lambda su Gatofoam, 87 x 75 cm, 580

L'opera è stata spontaneamente sceta da due ospiti dell'incontro di Slow Art del 30 Gennaio 2011. Entrambi hanno visto nell'uomo con in mano la palla un potere creatore. La palla rivolta verso la luce e quasi centrale nell'immagine ha eveocato un'energia creatrice. I birilli colorati tutt'intorno sono stati visti sia come tentativi falliti che come forme di vita ancora in gestazione. La forma dei birilli ha ricordato ad alcuni gli spermatozoo ed allora la sfera in mano all'uomo è apparsa come un ovulo da fecondare. Infiniti sono infatti i tentativi falliti prima di poter raggiungere una forma di vita. Il soggetto centrale è apparso come una sorta di divinità creatrice.
I birilli sono stati visti anche come simbolo di vittoria: il superstirike che ci suggerisce il titolo effettuato con una palla sola!

 
enricodemarinis

Fractional Sampling of a Midnight Dream
2008, stampa Lambda su Gatofoam, 60 x 40 cm, 260

La fotografia è stata scelta dallo scrittore Alessandro d'Angelo, ospite dell'incontro di Slow Art. Dalla sua analisi è emerso come nell'immagine pur statica sembra essere presente un movimento che da dietro l'albero va incontro all'osservatore, come il risveglio dell'Io.
Nella conversazione che è seguita alcuni hanno visto nelle valige il simbolo di tappe dell'esistenza, altri le hanno identificate con subpersonalità assagioliane, bagagli d'esperienza che formano la personalità.

>> Leggi l'articolo di Alessandro d'Angelo

 
enricodemarinis
Arrow trap 
2007, stampa Lambda su Gatofoam, 60 x 40 cm, 260

Il sogetto di Arrow Trap è stato analizzato con diversi interventi dagli ospiti di Slow Art. L'immagine ha subito evocato un senso di prigionia dentro schemi predefiniti dove la direzione da percorrere è una sola e porta all'appiattimento e all'omologazione.
Nell'immagine comunque è stata individuata una via di fuga, o meglio una via di ingresso, in basso a destra, da dove l'ossrevatore ha detto di aver sperimentato la sensazione di poter entrare nell'opera, prendere la freccia e con questa combattere contro il perbenismo degli uomini-senza-volto.